ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' active_time = 1508725585, active_ip = '54.81.178.153', act' at line 2
---
REPLACE INTO it_active SET active_id = , active_time = 1508725585, active_ip = '54.81.178.153', active_user_agent = 'CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)', active_session = 'qjoft8mq780g81f9unjvuvhk44'
---
ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3
---
SELECT * FROM it_comments, it_users WHERE user_id = comment_author_id AND comment_topic = 5390 AND comment_type = 'articles' AND (comment_state = 1 OR comment_author_id = ) ORDER BY comment_date ASC
---
You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3 L’inquinamento atmosferico avanza e le città diventano sempre meno vivibili


Article marketing » Comunicati-stampa » L’inquinamento atmosferico avanza e le città diventano sempre meno vivibili



L’inquinamento atmosferico avanza e le città diventano sempre meno vivibili


Preleva il codice html | PDF | Stampa
scritto da: chimicionline - Visite: 136 - Numero di parole: 511 - Data: 15 Jul 2010 - Ora: 6:21 PM 0 commenti




Sebbene l’attenzione dei media e dell’opinione pubblica sia calata rispetto al passato, quello dell’inquinamento atmosferico rimane uno dei problemi più pericolosi, tanto per l’ambiente quanto per la salute umana. Solo di recente si è tornato a parlare della questione e precisamente da quando son stati resi noti i dati rilevati dal sensore Sciamachy, montato a bordo del satellite Envisat dell’Agenzia Spaziale Europea(ESA). E, purtroppo, le notizie non sono incoraggianti, visto che è stato rivelato un aumento di CO2 nell’atmosfera di circa due parti per milione (ppm) tra il 2003 e il 2009.  A partire dai dati forniti dal sensore un team di scienziati dell’Università di Brema, guidati dal Dott. Michael Buchwitz e Oliver Schneising, hanno poi elaborato un sofisticato algoritmo, grazie al quale è stato possibile costruire una mappa molto dettagliata dell’inquinamento atmosferico terrestre e della distribuzione dei gas serra a livello globale.

La considerazione generale, purtroppo ovvia, è che l’inquinamento atmosferico è alle stelle e a testimoniarlo sono numerosi eventi, riscontrabili anche senza l’ausilio di sofisticati strumenti di rilevazione. Sbalzi inaspettati e repentini di temperatura, catastrofi naturali sempre più dirompenti, netto innalzamento del tasso di umidità sono solo alcune delle conseguenze di un inquinamento inarrestabile, senza contare il progressivo allargarsi del buco dell’ozono e il fenomeno della nube tossica, che sta facendo registrare dei veri picchi. Per quanto concerne l’Italia, un rapporto dell’Istat, che ha analizzato la qualità dell’aria di 221 città europee tra le quali 23 italiane, ha messo in evidenza come, tra le prime 30 città maggiormente inquinate, figurino ben 17 del Bel Paese, con in testa Roma. Un “primato” nero, quello della capitale, confermato anche dal dossier di Nomisma, i cui dati non risparmiano neanche il Nord Italia, in particolare l’area della Pianura Padana. E, quando si parla di inquinamento atmosferico, il passo sugli effetti nocivi per la salute dell’uomo è breve. Numerosi studi hanno dimostrato come elevati livelli di PM10 sono la causa principale dell’aumento di decessi e di patologie a carattere respiratorio che affliggono soprattutto gli abitanti dei centri urbani.

Una recente ricerca danese ha avvallato gli studi precedenti mettendo inoltre in evidenza come l’inquinamento atmosferico, prodotto dai tubi di scappamento delle automobili, possa provocare ictus, oltre ad alterazioni delle funzioni polmonari, bronchiti e asma. Alla luce di questi risultati in molti, ambientalisti per primi, si sono chiesti se abbia molto senso indire il blocco del traffico la domenica, quando la circolazione dei mezzi è già minore rispetto al resto della settimana o cercare di risolvere il problema adottando dei provvedimenti “patinati” che non sono in grado di incidere sul fenomeno e suonano solo come slogan elettorali. Domande, queste, che rimangono aperte mentre l’aria delle nostre città diventa sempre meno respirabile.



Note biografiche dell'autore

CHIMICIONLINE



Pubblica e condividi questo articolo

Per pubblicare questo articolo sul tuo sito o blog clicca qui per prelevare il codicie HTML
Ricorda: il corpo dell'articolo, il titolo, Note biografiche dell'autore e i link non possono essere né cambiati né rimossi. Per pubblicare questo articolo devi aver letto ed accettato i termini del servizio.


Rating: Nessun voto espresso
Per votare effettua il login

Commenti

Nessun commento.

Invia un commento

Per inviare un commento devi prima effettuare il login.










Autori top

Social Bookmark
Bookmark to: Mr. Wong Bookmark to: Webnews Bookmark to: Icio Bookmark to: Oneview Bookmark to: Linkarena Bookmark to: Favoriten Bookmark to: Seekxl Bookmark to: Kledy.de Bookmark to: Social Bookmarking Tool Bookmark to: BoniTrust Bookmark to: Power Oldie Bookmark to: Bookmarks.cc Bookmark to: Favit Bookmark to: Bookmarks.at Bookmark to: Shop-Bookmarks Bookmark to: Seoigg Bookmark to: Newsider Bookmark to: Linksilo Bookmark to: Readster Bookmark to: Folkd Bookmark to: Yigg Bookmark to: Digg Bookmark to: Del.icio.us Bookmark to: Facebook Bookmark to: Reddit Bookmark to: Jumptags Bookmark to: Simpy Bookmark to: StumbleUpon Bookmark to: Slashdot Bookmark to: Propeller Bookmark to: Furl Bookmark to: Yahoo Bookmark to: Spurl Bookmark to: Google Bookmark to: Blinklist Bookmark to: Blogmarks Bookmark to: Diigo Bookmark to: Technorati Bookmark to: Newsvine Bookmark to: Blinkbits Bookmark to: Ma.Gnolia Bookmark to: Smarking Bookmark to: Netvouz

Statistiche

Categorie presenti: 0
Articoli totali: 8581
Autori iscritti: 13741
1 utenti online.